DI LELLO. IUS SOLI: CANCELLIAMO UN’INGIUSTIZIA. DOBBIAMO ESSERNE ORGOGLIOSI


ius soli, marco di lello, diritti civili, socialista“Con il voto di oggi facciamo un passo in avanti per rendere l’Italia un Paese più civile, più giusto, anche più ricco. In un’epoca di guerre di religioni, di conflitti etnici, di grandi migrazioni, noi, l’Italia, scegliamo la strada dell’integrazione, dell’accoglienza sostenibile. Cancelliamo le disuguaglianze senza per questo rinunciare a valorizzare le diversità.” – Cosi il deputato socialista Marco Di Lello in aula oggi alla Camera intervenendo sulle dichiarazioni di voto al ddl sulla cittadinanza – “L’Italia è tra i Paesi più vecchi del vecchio continente, un’Europa che spesso appare stanca. Già oggi, l’8 per cento del nostro PIL, è frutto del lavoro di cittadini stranieri e un bambino su sei, che nasce in Italia, è figlio di cittadini stranieri. Questa fu la prima proposta di legge depositata dai parlamentari socialisti il primo giorno di questa legislatura; porta anche il mio nome. Avviene vent’anni dopo la legge voluta dall’allora Ministro socialista Martelli, tre anni dopo la campagna dei giovani socialisti, perché per noi essere socialisti significa sentirsi fratelli perseguendo obiettivi di giustizia e di uguaglianza, in tutto il mondo, al di là dei Partiti e dei Paesi. Oggi per tutti noi è davvero un buon giorno. Riconosciamo a chi nasce in Italia da genitori che pagano le tasse, a bambini che vanno a scuola con i nostri figli e che parlano la nostra lingua, di essere italiani. Cancelliamo un’ingiustizia” – ha concluso Di Lello – “riconosciamo un diritto. Dobbiamo esserne orgogliosi.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...